Scrittura Creativa

PREMESSA

La motivazione di fondo che ci ha portati alla scelta di un laboratorio espressivo si basa sulla convinzione che una società è più sana se si ha la capacità e la gestione dell’espressione delle emozioni. Le emozioni vissute in modo negativo o addirittura la negazione dei propri sentimenti spesso provoca nell’adulto uno stato di disagio psicologico o fisico. Tanto più grave può causare malesseri ad un minore che è nel delicato periodo della crescita. Lo scopo di questo laboratorio è aiutare i bambini ad esplorare, esprimere e comprendere le proprie emozioni attraverso modalità che stimolano a pensare e ad agire in maniera più creativa ed efficace.

METODOLOGIE DEL LABORATORIO ESPRESSIVO

Il laboratorio espressivo consente di prendere coscienza delle proprie emozioni, del vissuto personale ed esprimerle attraverso il disegno o la scrittura. Questi strumenti danno l’opportunità di esprimere le emozioni in modo semplice e spontaneo, molti sentimenti infatti non possono essere sempre tradotti in parole o in alcuni casi esse non esprimono profondamente il loro reale significato. Con l’aiuto delle immagini può essere più facile esprimere i sentimenti. Le immagini e i disegni forniti inoltre possono aiutare il bambino a ricordare. Gli esercizi, pur essendo molto semplici, sono utili per chiarire quali sono i sentimenti che il bambino riesce a esprimere facilmente e quali invece quelli verso cui prova più difficoltà. Il laboratorio espressivo permette di sviluppare la propria creatività attraverso attività dell’osservare, costruire, creare, sperimentare e scoprire somiglianze, differenze, uguaglianze, grandezze, quantità, forma-colore, materia-funzione e tecniche espressive.

RICADUTE PEDAGOGICHE

1. Esplorare, esprimere e comunicare i propri sentimenti

2. Aiutare i bambini a esplorare e ad esprimere quello che in precedenza hanno tenuto dentro di sé, soffocato, represso, oppure esternato in modo distruttivo perché in quel momento non conoscevano altre possibilità.

3. Chiarire e identificare i propri sentimenti

4. Alcuni sentimenti, sia verso se stessi che verso gli altri, possono essere molto disorientati. Una persona può riconoscere di essere infelice ma non saperne il perché.

5. Contenere o liberare l’energia emozionale

6. I disegni e le immagini possono agire come contenitori per sentimenti dolorosi, caotici. Alcuni esercizi avranno come obiettivo il <> dei sentimenti specifici (rabbia, angoscia, odio …), altri possono essere usati anche per liberare l’energia positiva.

SET

Il laboratorio vuole essere un luogo di benessere attraverso l’astensione dal giudizio, di libertà espressiva al fine di sviluppare e cooperazione durante il lavoro. Elemento fondamentale durante il lavoro di gruppo sarà la scoperta, l’esplorazione e l’improvvisazione. Si curerà e si organizzerà un clima positivo per favorire principalmente la comunicazione, come mezzo per potenziare il pensiero e la socializzazione, il tutto per stimolare la curiosità, l’interesse e la motivazione all’attenzione.

FASI

1. La prima fase del laboratorio espressivo sarà quello del cineforum ossia la visione di un film o cartone animato

2. Al termine della visione, gli educatori guideranno i bambini ad una rielaborazione orale in maniera semplice e informale dei contenuti (protagonisti, passaggi più importanti della storia, nuclei tematici, finale …).

3. A seguito di ciò verrà fornita una scheda (qualora ne fosse necessario differenziata per le scuole elementari e per le scuole medie) nella quale verrà chiesta di esprimere con il disegno grafico o con la scrittura, in base ai temi previsti e agli obiettivi da raggiungere, i propri sentimenti (Che cosa vi spaventa?... Cosa vi rende felici? …).

4. Fra le diverse attività previste, si progetterà e si allestirà anche un piccolo spettacolo teatrale di burattini ideati, realizzati e animati dai ragazzi. Si intende infatti costruire il teatro, dare vita ai personaggi creati, assegnando loro caratteri e particolarità fisiche, e infine inventare una storia a tema (avendo come linea guida un film di animazione conosciuto precedentemente visionato). Si potranno affrontare tematiche profonde come l’amicizia, il rispetto di se stesso e degli altri, attenzione alla diversità ecc.

OBIETTIVI GENERALI

- Sviluppare la creatività

- Stimolare la capacità di inventare

- Sviluppare la capacità di progettare e di realizzare un prodotto eseguendo le varie fasi della lavorazione

- Sviluppare abilità verbali e gestuali

- Favorire la fiducia nelle proprie capacità favorendo un processo di autostima

OBIETTIVI SPECIFICI

Gli obiettivi del laboratorio saranno:

- Acquisire le norme di comportamento concordate

- Rapportarsi con il gruppo lavoro senza mettersi in competizione o giudicare

- Aiutare gli amici in difficoltà

- Ascoltare le esperienze dei compagni ed esprimersi

- Stimolare una maggiore integrazione tra educatori e bambini

- Sviluppare il senso di responsabilità e la capacità di collaborare con gli altri

- Seguire le regole fondamentali del gruppo, rapportarsi agli altri senza mettere in atto comportamenti sgradevoli

- Verbalizzare il lavoro svolto

- Comprendere il linguaggio verbale e grafico

- Incollare carta o altro materiale su vari supporti

FINALITÀ DEL PROGETTO

Il laboratorio espressivo avrà la finalità di:

- Sviluppare le capacità creative dei minori attraverso attività di percezione e di espressione

- Avvicinarsi al linguaggio grafico

RISULTATI ATTESI

- La partecipazione, l’interesse e il coinvolgimento

- L’impegno e la capacità di lavorare in gruppo

- Lo sviluppo di capacità di autocontrollo e di comunicazione

- La socializzazione

- La consapevolezza e la libera espressione dei propri sentimenti

VERIFICA

La verifica si baserà sull’osservazione dei minori durante le attività proposte, deducendo i tempi di attenzione e di partecipazione secondo il proprio ritmo di apprendimento con particolare attenzione al raggiungimento dell’autonomia relazionale e comportamentale degli allievi, al fine di renderli capaci di realizzare un maggior numero di cose con e senza l’aiuto dell’educatore. 

Partner

Regione PugliaComune di FoggiacasaENAC